Covid: Rasi, gestione pandemia complicata da formazione frammentaria e disomogenea

“La mancanza di omogeneità strategica e di coordinamento nella formazione degli operatori ha contribuito a complicare la gestione della pandemia”. Lo ha dichiarato Guido Rasi, nel suo intervento al Forum Risk Management di Arezzo. “Un fattore che ha favorito la diffusione incontrastata del Covid è stata l’assenza totale di standardizzazione e di trasferimento rapido e immediato di conoscenze che man mano si acquisivano agli operatori in primis e poi ai cittadini”, spiega Rasi. “Eppure, oggi, grazie alla tecnologia l’informazione può essere estremamente rapida e immediata verso tutti gli operatori sanitari, sia sul fronte della diffusione delle best practice e sia nella diffusione di scoperte, con la possibilità inoltre di fare check sul recepimento di tali contenuto. Questo, in pandemia sarebbe stato fondamentale. Informazione, raccolta dati e utilizzo dell’informazione tramite la formazione – prosegue – sono i cardini che abbiamo imparato e che dovranno essere costanti nella fase post-pandemica. Ma devono diventare imperativi in fase di crisi sanitaria”. 

Sul fronte delle vaccinazioni Rasi si ritiene piuttosto soddisfatto. “Nonostante i punti critici, con oltre 80% delle adesioni tra gli over 12, la campagna vaccinale è stata un successo dal punto di vista logistico e di adesione se contestualizzato a livello mondiale”, commenta Rasi. “Se devo dare un voto alle istituzioni italiane sulle decisioni prese, queste sono state all’80% corrette ed efficaci. Di quel 20% di errori abbiamo certamente – continua – l’attenuante dell fattore ignoto, per cui forse non sarebbe stato possibile fare tanto di più. Poi, guardando cosa succede nel resto del mondo, a parte un inizio difficile perché l’Italia è stato il primo paese colpito in maniera massiva, abbiamo segnato il passo per molti altri paesi che ci hanno poi seguiti”. Un altro elemento di debolezza della gestione della pandemia, secondo Rasi, è stata l’implementazione sul territorio delle decisioni del Governo. “Al livello delle autorità locali, non si è mai pensato di fare interventi strutturali di accompagnamento alla campagna vaccinale”, spiega, riferendosi in particolare alla comunicazione. “Una strategia di comunicazione efficace avrebbe aiutato tutto il mondo ad accettare la vaccinazione e a comportarsi di conseguenza”, conclude.

Consulcesi – Massimo Tortorella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *